A star is born, Cooper cantante e Gaga attrice, un’esplosione di talento

Appena sono uscita dall’anteprima stampa di Roma ho pensato a tre cose (+1) su A star is born.
a) Bradley Cooper è illegale, b) Lady Gaga è un sogno, c) A star is born è un film emozionante, dai colori avvolgenti. d) Vederlo in lingua originale ha un valore aggiunto.

Da sapere. A star is born è un remake del film diretto nel 1937 da William A. Wellman. Quello diretto da Bradley – dategli tutti i premi del mondo – Cooper è il terzo rifacimento. Prima ci sono stati i musical, uno del 1954 e uno del 1976. Tuttavia, a mio avviso, al di là del remake e del fatto che si tratti comunque di un film, in A star is born ci sono frammenti di vita reale dei protagonisti.
Come il protagonista del film, Bradley Cooper ha avuto problemi di alcol e droghe. Lady Gaga nel film sottolinea come le major l’hanno sempre criticata per il suo aspetto fisico, soprattutto per il naso. Non solo. Come la protagonista, l’artista per tanto tempo si è sentita insicura. Non si sentiva abbastanza bella, intelligente o talentuosa.

Cosa accade nel film? C’è Jackson Main, musicista di successo, che scopre per caso e si innamora dal primo momento di Ally, un’artista che non crede in se stessa. Per paura che il suo sogno venga infranto, non ci prova neanche la ragazza. Invece, proprio Jackson crederà in lei facendola tornare sul palco.
I due si amano tanto, tantissimo. E iniziano a suonare insieme andando in tour. Tra una tappa e l’altra, un manager scopre Ally e le fa una proposta discografica. Si spinge così verso la pop music, abbandonando la rock music. Quindi, da un lato la carriera della ragazza decolla, mentre quella di Jack decade, soprattutto perché lui combatte con dei demoni interiori. Questo causa dei grossi colpi alla loro storia.

Apparentemente, A star is born è un classico film. Ciò che lo però rende unico, sono l’interpretazione, i colori scelti per la fotografia e la colonna sonora. Vi dico meglio, in dettaglio.

L’interpretazione. Da un lato vediamo e ascoltiamo un Bradley Cooper nelle vesti della rock star. Come dicevo, è illegale. Il fascino e il talento si mescolano dando il risultato atteso, ovvero che l’attore è davvero bravo. Sia alla regia (la sua opera prima), sia come attore (appunto) e in modo sorprendente, come cantante.

Dall’altro amiamo alla follia la presenza scenica di Lady Gaga. C’è una scena, tra le tante, in cui lei urla in un bagno. Meravigliosa. Vero, l’abbiamo già vista recitare. Ma in questo film dà il massimo. Rimarrete sorpresi piacevolmente dall’intimità, dal romanticismo e dall’intesa che trapela tra i due. Scena dopo scena, è come se i due si innamorassero veramente. Brilla qualcosa nei loro occhi, eppure stiamo assistendo ad un film. Ci imbarazziamo, ci rattristiamo, soffriamo e ci divertiamo. Tutto insieme a loro due.

La colonna sonora è in odore di Oscar. La voce di Lady Gaga è dirompente, elettrizzante. A sorprenderci è anche il talento di Cooper che, insieme all’artista, ha cantato anche lui nel film. 34 tracce sono tante. (19 canzoni e 15 dialoghi). Come del resto il film. Dura oltre due ore. Se da un lato, avrei fatto durare il film meno, la musica no. Ci sono brani come Shallow che non vi lascieranno indifferenti. Anzi. Se non vi procupereranno lacrimoni e pelle d’oca avete il cuore di pietra. Tornando a Shallow, si tratta di una ballad a due voci super strappalacrime. Un’altra ballad, Music to my eyes, è davvero bella. Canzoni come I don’t know what love is, Is that alright?, I’ll never love again vi faranno singhiozzare proprio. Ci sono brani travolgenti, dalla carica rock che vorrete davvero sentire dal vivo. Soprattutto se on stage ci fosse Bradley Cooper. Sì anche Lady Gaga. Ma soprattutto lui. A star is born soundtrack è un viaggio dalle venature rock, romantico e intimo condotto da una coppia che fa scintille.

Quindi, dalle interpretazioni, dalla fotografia fino alla musica, A star is born è un film di cui vi innamorerete.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin